La crisi dei missili

Siamo stati fortunati nella crisi dei missili cubani del 1962 perché il presidente John F. Kennedy era aperto all’uso di strumenti diplomatici per risolvere la crisi, e il leader sovietico Nikita Khrushchev era abbastanza forte da rovesciare se stesso e ritirare forze strategiche che non avrebbero dovuto essere schierate innanzitutto. Alla fine, ciascuna parte ha svolto un lavoro efficace per valutare le intenzioni e le capacità del proprio avversario, che è una questione fondamentale in qualsiasi crisi di politica estera.

Trump con i suoi consiglieri (alcuni silurati)

Non c’è motivo di credere che Donald Trump sia in grado di fare tali valutazioni, e la presenza di troppi consiglieri militari e la mancanza di consulenti diplomatici complica la situazione. Il presidente Kennedy aveva il vantaggio di un ex ambasciatore americano in Unione Sovietica, Llewellyn Thompson, che forniva consigli saggi e poteva dare alla Russia il tempo e lo spazio per prendere una decisione deliberativa. Il presidente Trump deve fare affidamento su John Bolton e un Dipartimento di Stato svuotato che non è in grado di contribuire a una valutazione misurata e realistica del problema.

https://www.controinformazione.info/il-primo-grande-test-per-trump-una-crisi-per-tutti-noi/

Annunci

Informazioni su apoforeti

Unione Associazioni Culturali
Questa voce è stata pubblicata in 1962 e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.