L’isola delle rose

Stanco della burocrazia e amante della libertà, l´ingegnere
bolognese pensò di realizzare agli inizi degli anni Cinquanta uno
stato autonomo
dalla legislazione italiana, una sorta di S. Marino
o Città del Vaticano, galleggiante e con una propria lingua. I
lavori per la realizzazione di questa isola, che sarebbe sorta nelle acque
internazionali in direzione del porto di Rimini
,
cominciarono a metà degli anni Sessanta. Le attività di allestimento
della struttura furono ostacolate dalle difficili condizioni di operare
in mare aperto; nonostante tutto, il 1 maggio 1968, l´ingegner
Rosa potè brindare al suo nuovo stato libero: l´Isola delle Rose.
Nel giugno dello stesso anno, però, Rosa e tutte le persone che avevano
contribuito alla realizzazione dello stato galleggiante si videro
distruggere il sogno divenuto realtà.

isola-701930

Una lunga intervista all´ing. Giorgio Rosa, una carrellata di
fotografie inedite
scattate durante gli anni di realizzazione del
progetto, una serie di contenuti extra con altre curiosità e il
memoriale scritto dallo stesso Rosa, rendono il dvd “L´Isola
delle Rose” l´unico documento fino ad oggi prodotto

che descrive minuziosamente la nascita e la distruzione di questa
bizzarra impresa, realizzata grazie alla tenacia ed alla volontà di
credere nei sogni e nella libertà.

libro-731664

Informazioni su apoforeti

Unione Associazioni Culturali
Questa voce è stata pubblicata in libertà. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’isola delle rose

  1. apoforeti ha detto:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.